• Spazio sponsor 3 - La tua pubblicità qui!

Domesticazione e obesità

dott.ssa Pizzutti Nicoletta, tecnico nutrizionista

domesticazione_cani_obesi_bulldog“L’obesità è una sindrome caratterizzata da un abnorme aumento del peso per eccessiva formazione di adipe nel tessuto sottocutaneo.”

Lo squilibrio tra l’apporto ed il consumo energetico della dieta provoca un’eccedenza energetica persistente e, di conseguenza, il deposito di grasso.

Quando è eccessivo l’accumulo di grasso?

Sono da ritenersi sovrappeso gli individui il cui peso supera del 10-20% quello ottimale e obesi quelli che superano il 20%.

Dobbiamo però distinguere tra due tipi di obesità, l’obesità definita ipertrofica, in cui aumenta il volume degli adipociti (le cellule che contengono il grasso), e l’obesità iperplastica dove aumentano invece il numero di adipociti. Questa seconda è tipica degli individui in accrescimento ed è di difficile risoluzione, poiché l’organismo è solo in grado di produrre nuovi adipociti e, in caso, di modificarne il volume, ma non è assolutamente possibile ridurne il numero.
domesticazione_cane_obeso_beagle

 Quali fattori concorrono nell’insorgenza di uno stato di eccessivo sovrappeso?

Ci sono diversi fattori: endogeni ed esogeni. Quegli endogeni sono riconducibili al singolo soggetto (età, sesso, stato riproduttivo, alterazioni ormonali) oppure alla razza (Labrador retriever, Cocker spaniel).  Gli esogeni, invece, sono attribuibili all’ambiente in cui vive l’animale, come livello di attività, composizione e appetibilità della dieta, stile di vita e abitudini del proprietario. I fattori endogeni sono spesso manipolabili attraverso i fattori esogeni.


L’obesità è una delle prime patologie riscontrate negli animali domestici, patologia legata soprattutto allo stile di vita modificatosi dalla domesticazione ai giorni nostri.domesticazione_gatto_obeso

Con il termine domesticazione, in genere si intende il processo attraverso il quale una specie animale o vegetale viene resa domestica, ovvero abituata alla convivenza e al controllo da parte dell’uomo.

Per molte specie la domesticazione ha comportato notevoli mutamenti nel comportamento, fisiologia, morfologia e cicli di vita. Gli animali sono stati addomesticati per vari motivi, tra cui l’allevamento, il lavoro e la compagnia. Nei secoli poi i motivi dell’addomesticazione sono venuti meno per tanti animali, a causa del cambio repentino dello stile di vita dell’uomo stesso. Animali prima utilizzati per lavoro adesso sono considerati per lo più da compagnia. Cani e gatti sono tra i primi animali da compagnia presenti in italia, addomesticati però per ben altri motivi. Essi sono carnivori, motivo per cui sono stati approcciati molti anni fa dall’uomo, per coadiuvare la caccia e la protezione degli animali allevati.

I gatti nello specifico erano considerati alla stregua di divinità per il loro lavoro di eliminazione dei nocivi, i topi portatori di malattie. Nel tempo sono diventati sempre più animali da compagnia e meno da lavoro, diventando anche più sedentari e pigri. Anche il tipo di alimentazione è cambiata, passando da un’alimentazione fresca basata su scarti di carne, residui della tavola e prede vive, ad una di tipo industriale su base cerealicola per lo più, escludendo mangimi di nuova generazione. In realtà in poco tempo i gatti sono passati da predatori attivi a scaldatori di divano professionisti.

domesticazione-e-obesita_gatto_divano

 

Cattiva alimentazione e sedentarietà hanno fatto sì che l’obesità diventi una delle più frequenti patologie di cani e gatti. Patologia da non sottovalutare perché se non tenuta sotto controllo può portare a problemi articolari, scheletrici e metabolici, diminuendo l’aspettativa di vita del soggetto. Un’adeguata alimentazione è alla base della prevenzione o della risoluzione del problema. Alimenti ricchi di proteine di origine animale e pochissimi o nulli carboidrati renderanno il metabolismo di cani e gatti più attivo, riducendo lo strato adiposo ad una fisiologica copertura.

Una corretta attività fisica, in aumento costante se il cane o il gatto già presentano obesità, è indispensabile per la salute dei nostri animali domestici. (Vedi il nostro articolo “Il vostro cane ha problemi di obesità? Fate attività fisica insieme a lui…)

Il modo migliore per valutare da soli lo stato morfologico del vostro animale domestico è una valutazine visiva, che potrà essere completata da un professionista, ma inizialmente vi può dare un’idea di come stia il soggetto. Il metodo si chiama BCS (body condition score), è un punteggio che può andare da 1-5 o da 1-9 di ingrassamento. Lo stato ideale è rappresentato dai punteggi di mezzo.

domesticazione_animali_obesi_quadro_BCS

 

 

TOUCH HERE FOR MENU
aap_logo_centrale